In La casa di carta, Otto persone vengono reclutate per una rapina estremamente ambiziosa: rubare 2400 milioni di euro dalla Fábrica Nacional de Moneda y Timbre, la zecca nazionale spagnola, a Madrid. La selezione è stata svolta non solo in base alle competenze specifiche di ciascuno, ma tenendo conto soprattutto della loro condizione sociale: si tratta infatti di individui che, per varie ragioni, non hanno nulla da perdere. L’ideatore di questa impresa è una figura conosciuta come Il Professore.